Oleo Bone
@oleobone
VoceLiberaWeb
@oleobone

Metaverso: la prima raccolta di NFT di Sebastião Salgado. Il fotografo che “scatta” le disuguaglianze sociali.

fonte: Sky arte

L’arte fotografica di Salgado passa attraverso l’antropologia.

La pratica fotografica di Sebastião Salgado (nato nel 1944, Brasile) è radicata nella sua profonda spinta personale a documentare la disuguaglianza sociale ed economica. I saggi fotografici di Salgado offrono critiche visive esplicite allo stato attuale del mondo, affrontando tematicamente l’interazione tra la condizione umana e l’ambiente.

Le fotografie di Salgado sono state oggetto di mostre internazionali, celebri libri e sono conservate in molte collezioni museali in tutto il mondo, tra cui il Centre Pompidou (Parigi) e il Museo Nazionale di Arte Moderna (Tokyo), tra gli altri.

Salgado ha ricevuto numerosi premi fotografici e prestigiose onorificenze, tra cui un premio alla carriera dall’International Center of Photography (New York) e una distinzione come Comendador da Ordem do Rio Branco (Brasile).

Nel 1998, Salgado e Lélia Wanick Salgado, sua moglie e partner creativo di lunga data, hanno co-fondato Instituto Terra, l’acclamata organizzazione no profit brasiliana dedicata al rimboschimento, alla conservazione e all’educazione ambientale.

fonte: Reflex-mania

Instituto Terra

L’Instituto Terra è stato fondato da Sebastião Salgado e dalla sua compagna Lélia Deluiz Wanick Salgado, curatrice, designer e scenografa, con il sogno di restituire alla natura ciò che decenni di degrado ambientale hanno distrutto.

Situato nello stato brasiliano di Minas Gerais nel bacino idrografico della Valle del fiume Doce, il terreno su cui si trova Instituto Terra è diventato una Riserva Privata del Patrimonio Naturale (RPPN), simile a un Parco Nazionale, ed è stato il primo ad essere realizzato in un’area degradata della regione del fiume Doce. Questa regione abbraccia l’inestimabile bioma della Foresta Atlantica che, nonostante la sua importanza globale, oggi conserva solo il 12,4% della sua vegetazione originaria. Negli ultimi 24 anni, Instituto Terra, un’organizzazione civile senza scopo di lucro, ha piantato quasi 3 milioni di alberi originari della Foresta Atlantica del Brasile; rivitalizzato oltre duemila sorgenti d’acqua degradate; ha prodotto vari programmi educativi che formano agricoltori, funzionari pubblici e bambini nella conservazione e nel ripristino degli ecosistemi nativi; e ha riportato sulla terraferma più di 250 specie animali, compresi animali in via di estinzione come il puma.

Amazônia è la raccolta più significativa di NFT di un fotografo vivente.

Salgado lavora nella foresta pluviale brasiliana dagli anni ’80. Per Amazônia, ha effettuato quasi 50 viaggi nella regione, scomparendo per settimane, a volte mesi alla volta, per fotografare tribù indigene come Yanomami, Suruwahá, Yawanawá e Marubo, e il maestoso paesaggio del nord-ovest del Brasile.

fonte : Arte.it

fonte notizia Sothebys

link:

https://metaverse.sothebys.com/salgado

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.