Oleo Bone
@oleobone
VoceLiberaWeb
@oleobone

Ai confini della società

GLI ESCLUSI

Negli ultimi anni si è diffuso in Italia il fenomeno degli “Hikikomori”. I hikikomori sono per lo più adolescenti che decidono di isolarsi dalla vita sociale. Sono ragazzi che vivono la loro giornata rinchiusi in casa, giocando ai videogiochi, guardando serie tv, anime (cartoni animati giapponesi) o leggendo fumetti (manga). La diffusione del fenomeno ha avuto luogo dalla metà degli anni Ottanta in Giappone. Oggi in Italia si stima che un individuo ogni duecentocinquanta sia soggetto a comportamenti a rischio di reclusione sociale, anche se tuttavia il disturbo è spesso confuso con la cultura “nerd” o “geek” o più frequentemente con una semplice dipendenza da internet. Inoltre, è stato riconosciuto che solo il 10% dei soggetti interessati è di sesso femminile. Il fenomeno femminile di dipendenza dal web probabilmente è molto più vasto, anche se è possibile che molti casi non siano riconosciuti tali, in quanto, soprattutto in Giappone, si percepisce il ritiro in casa delle donne una consuetudine all’interno della società.

A mio parere, questo comportamento è dovuto agli ideali della società che non riescono ad essere soddisfatti dai giovani e per questo scoraggiano i ragazzi che, non sentendosi all’altezza, decidono di chiudersi in casa per evitare di affrontare una realtà quotidiana reputata ormai opprimente. Io spero che le cose cambino e che i giovani possano prendere posto nella società.

immagine presa da lundici.it

Michelle Bosco

Michelle Bosco IV°C ALB., dell'Istituto "G. Marconi" di Vittoria (Rg)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.