Oleo Bone
@oleobone
VoceLiberaWeb
@oleobone

Josef Rudolf Mengele

Josef Rudolf Mengele (Günzburg, 16 marzo 1911 – Bertioga, 7 febbraio 1979) è stato un medico, militare e criminale di guerra tedesco.

Laureato in antropologia all’Università Ludwig Maximilian di Monaco e in medicina all’Università Goethe di Francoforte, è noto per i crudeli esperimenti medici e di eugenetica che svolse nel campo di concentramento di Auschwitz, usando i deportati come cavie umane, soprattutto bambini, in particolare amava molto sperimentare sui gemelli.

Chiamato da loro stessi “lo zio” e lui li definiva “le mie cavie”.
Circa tremila bambini torturati e portati alla morte tra il maggio del 1943 e il gennaio 1945, e ne sopravvissero solo 200.

Internato a Weiden in un campo americano, non fu trattenuto né arrestato, sfuggendo così al processo di Norimberga. Dopo aver assunto false identità, nel 1949 fu aiutato dalla famiglia a lasciare il paese, passando attraverso l’Italia: si imbarcò a Genova per Buenos Aires e nell’Argentina peronista si mise in contatto con i gruppi nazisti espatriati. Nel momento in cui si sentiva ormai sicuro riprendendo il suo vero nome, emersero le ricerche che ex internati di Auschwitz avevano intrapreso: nel 1959 la Germania spiccò un mandato di cattura contro di lui. Ottenne la cittadinanza in Paraguay e quando nel 1961 scoppiò il caso di K. A. Eichmann, nascosto in Argentina, si spostò a San Paolo del Brasile, assumendo un’altra identità che lo celò sin dopo la sua morte (1979), scoperta nel 1985 dopo il test del DNA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.