Oleo Bone
@oleobone

Virgil Abloh: l’arte nella moda e la moda nell’arte 

“Piaccia o no, l’irrilevanza è la morte”, diceva Virgil Abloh, ex direttore artistico di Louis Vuitton e fondatore del brand Off-White, che ci ha lasciati il 28 novembre 2021. Virgil amava condividere e relazionarsi con gli altri; diceva, infatti: “Creare significa collaborare con persone provenienti da diversi background” e tutti i giorni costruiva il suo lavoro su tale convinzione. Questa è stato il modus operandi di un uomo che è riuscito a coronare i propri sogni raggiungendo altissimi livelli e trasformando, con le sue innovazioni, il mondo della moda. Ha ricoperto ruoli importantissimi e le sue scelte hanno avuto un grande peso nel firmamento della creazione degli abiti. Non a caso viene tuttora considerato da molti un genio nel suo ambito lavorativo. Sebbene sia scomparso da poco, ciò che ha fatto ha tuttora e continuerà ad avere importanza nel contesto dell’alta moda tant’è che determinati pezzi che ha disegnato che già avevano, prima della sua morte, un’altissima richiesta rispetto alla disponibilità, ancora oggi vengono ricercati e venduti a cifre da capogiro.  

Chiaramente il brand da lui creato, essendosi affermato a livello mondiale, viene indossato da individui conosciuti in tutto il mondo: atleti, cantanti e tanti altri personaggi famosi che non solo apprezzano il marchio ma spesso sfilano anche per esso.  

Virgil è cresciuto dentro realtà e situazioni molto complicate fra le quali vi era un divario notevole. Tutto ciò, però, lo ha aiutato a prendere determinate decisioni nella sua vita, rendendolo ciò che è stato: in particolare, durante la sua giovinezza, passava dai quartieri popolari alle grandi città e questo lo ha aiutato a trovare un compromesso  strategico e innovativo tra eleganza e streetwear, permettendogli di creare uno stile che fosse adatto sia per i giovani sia per gli adulti. Questo suo estro lo rendeva differente dagli altri stilisti perché caratterizzato anche da duttilità e capacità di adattamento per cui è divenuto “l’innovazione vivente” di cui il mondo della moda aveva bisogno.  

Relativamente al brand Off-White, sono tipiche le iconiche grafiche con le frecce incrociate sul retro dei vari capi, come anche le strisce diagonali presenti sulle felpe e sulle longsleeves, decorate con immagini legate all’arte, come ad esempio la Monnalisa oppure anche Caravaggio e Bernini; data l’eredità, le idee, i pensieri, e i valori che Virgil ha lasciato al brand e alla moda in generale, questo personaggio oggi è un modello anche per i giovani: sia perché ha costruito sé stesso e la sua arte sapendo sempre trarre il meglio dalla vita, sia in quanto non si è mai arreso davanti alle difficoltà e ha anzi costruito la sua maestria traendo spunto da tutti gli ambienti in cui ha dovuto destreggiarsi. 

Saverio Tosto & Cordaro Giuliano

IVC Liceo Classico Europeo del Convitto Nazionale Mario Cuelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.