Oleo Bone
@oleobone
VoceLiberaWeb
@oleobone

Benefici della scrittura a mano

L’avvento della tecnologia ha inesorabilmente rivoluzionato il nostro modo di comunicare/scrivere. 

Computer, tablet e smartphone vengono difatti oggi utilizzati sempre più spesso per scrivere digitalmente al fine di trasmettere informazioni e pensieri. 

Tuttavia, da innumerevoli studi scientifici è emerso che tali mezzi non sono in grado di garantire alla persona i medesimi benefici della scrittura a mano. 

In particolare, impugnare una penna, stimolerebbe la creatività, rafforzerebbe la memoria, la concentrazione e la capacità di sintesi, ben più di qualsiasi smartphone o strumento digitale su cui si pigiano meramente dei tasti in modo meccanico. 

In Inghilterra, già da diversi anni, alcune scuole hanno reintegrato l’uso della penna stilografica e in Francia la scrittura a mano è onnipresente.  

Una ricerca pubblicata sulla rivista americana “Psycological Science” ha sottolineato che scrivere a mano è un vero e proprio toccasana per la mente. 

Ma vediamo nel dettaglio alcuni dei buoni motivi per prediligere carta e penna.

Scrivere a mano preserva la nostra individualità e unicità. 

Ogni individuo è diverso dall’altro, e, conseguentemente, ogni scrittura è diversa da un’altra. 

L’utilizzo della scrittura digitale, composta da lettere standardizzate, priva l’individuo della sua identità, che non si manifesta solo attraverso il carattere o attraverso l’aspetto fisico, ma, altresì, attraverso la scrittura, che è uno degli elementi che contribuiscono a renderci unici, in quanto segno di riconoscimento indefettibile dell’essere umano. 

Scrivere a mano ci rende “liberi”. 

Basta un foglio e una penna per poter fissare un concetto, scrivere un pensiero, scambiarsi delle informazioni, senza dover “dipendere” dagli strumenti informatici. Anche se in un primo momento potrebbe sembrare il contrario, in realtà foglio e penna consentono una maggiore praticità e libertà di comunicazione di quella offerta dai mezzi tecnologici, che funzionano grazie all’elettricità ed hanno minore autonomia. 

Scrivere a mano migliora la concentrazione e la memorizzazione.

E’scientificamente provato che scrivere a mano implica uno “sforzo” maggiore da parte del soggetto a partire dall’impugnare il mezzo scrittorio. 

L’energia della mano e la resistenza del foglio sono in costante interazione per portare a termine il gesto scrittorio. 

Rendere leggibile la scrittura, scegliere l’impostazione nell’ambiente grafico (foglio), richiede una organizzazione maggiore che favorisce poi la memorizzazione anche di ciò che si scrive. 

Ecco perché gli appunti scritti a mano restano più impressi nella mente rispetto agli appunti scritti su un pc. 

Scrivere a mano aiuta a rilassare la mente ed armonizzare i pensieri.

L’atto scrittorio permette di coordinare non solo le idee, ma quando si tratta di esprimere emozioni favorisce l’auto-osservazione e il dialogo interiore, alleviando disturbi come ansia e stress (come dichiarato da psicologi e psicoterapeuti). 

Non a caso è consigliato tenere un diario personale al fine di prendere contatto con il proprio sé profondo e dargli voce attraverso la scrittura. 

Rileggere poi ciò che si scrive aiuta ad avere una visione più lucida e consapevole dei propri pensieri ed eventuali disagi personali. 

E’il c.d. effetto terapeutico della scrittura, alla stregua dello Yoga, della mediazione e della musica. 

Scrivere mantiene allenata la muscolatura della mano.

Il gesto scrittorio mantiene in funzione l’apparato muscolo-scheletrico della mano. L’impugnatura, lo sforzo per occupare lo spazio grafico a disposizione, l’energia per produrre il gesto scrittorio, il controllo esercitato sulla pressione, preservano la motricità dell’arto scrivente e rallentano gli effetti del tempo.

Scrivere a mano stimola la creatività. 

Il coordinamento delle funzioni ideative, analitiche, emozionali e motorie, e nel contempo la ricerca di soluzioni comunicative e grafiche personalizzate, aumentano la creatività.  

Tutto il progetto grafico finale è frutto delle nostre scelte, relativamente alla forma, all’organizzazione, all’impostazione e gestione dello spazio, alla scelta della tipologia di strumento scrittorio, alla scelta del colore. 

Ebbene, questi sono soltanto alcuni dei vantaggi che derivano all’individuo dallo scrivere a mano.  

La nostra scrittura è la nostra impronta personale. Abbiatene cura, sempre. 

Dott.ssa Simona Rapisarda

Consulente Grafologa. Associazione AMI sez. Catania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.