La temperatura degli oceani sta aumentando.

Secondo uno studio di vari ricercatori internazionali, nel 2022 il valore medio della temperatura degli oceani è aumentata notevolmente.

Le principali cause dell’aumento sono:

  • il continuo aumento della temperatura,
  • i livelli sempre più elevati di salinità,
  • l’aumento della sua stratificazione.

È diventato record l’ultimo dato registrato dai ricercatori di ben 16 istituti in tutto il mondo, tra cui l’Ingv e l’Enea.

La ricerca pubblicata sulla rivista Advances in Atmospheric Science compara i risultati dagli anni ’50 a oggi appartenenti a due dataset internazionali, Iap e Ncei.

Secondo questi dataset la condizione termica dei nostri mari è aumentata di circa 10 Zetta Joule (Zj), equivalenti a circa 100 volte la produzione mondiale di elettricità del 2021.

“La collaborazione con questo team internazionale ci permette di mantenere alta l’attenzione sul riscaldamento globale e il suo impatto sull’oceano e di conseguenza sull’uomo e le attività economiche a esso strettamente correlate.Riteniamo che continuare a monitorare sistematicamente questi cambiamenti nell’oceano rimanga l’unico modo per comprendere ed essere maggiormente consapevoli delle loro conseguenze e per poter elaborare strategie efficaci di mitigazione e adattamento”

Franco Reseghetti, ricercatore presso l’Enea.

“Le aree già salate diventano ancora più salate mentre le zone con acque più dolci diventano ancora meno salate: c’è un continuo aumento dell’intensità del ciclo idrologico”

professor Lijing Cheng, Accademia Cinese delle Scienze
Immagine dell'oceano
Focus Junior

L’aumento della salinità e della stratificazione dell’Oceano può mutare il modo in cui il calore, il carbonio e l’ossigeno vengono scambiati tra l’oceano e l’atmosfera.

Questo è un fattore che può causare la deossigenazione all’interno dei mari ,questo è un problema non solo per la vita e gli ecosistemi marini, ma anche per gli esseri umani e gli ecosistemi terrestri.

Lo spostamento di alcune specie ittiche  provocano criticità nelle comunità dipendenti dalla pesca , generando più povertà di quella che già c’è.

Fonte immagine di copertina: Icona Clima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *