Oleo Bone
@oleobone
VoceLiberaWeb
@oleobone

La casa perfetta. L’ingegneria edilizia coreana conquista il mondo con le tecniche “Ondol” e “Maru”.

Dall’Hanok agli edifici moderni. L’evoluzione edilizia ricalca le tecniche antiche sostenibili ed efficienti.

Che i coreani siano davvero geniali è ormai cosa risaputa. Le loro tecniche edilizie adattate all’ambiente e al clima si sono diffuse nell’edilizia straniera poiché il sistema di riscaldamento e di areazione delle case , sfrutta tecniche sostenibili grazie ad una progettazione intelligente che ricalca quelle delle antiche Hanok.

Grazie all’Istituto Culturale Coreano, andiamo a ripercorrere l’evoluzione edilizia che ci rimbalza dalle tradizionali Hanok agli imponenti edifici moderni.

I coreani hanno sviluppato tecniche architettoniche uniche per costruire alloggi adeguatamente adattati all’ambiente naturale circostante, fornendo agli abitanti una migliore protezione. Una caratteristica distintiva dell’hanok (casa tradizionale coreana) è un sistema di riscaldamento a pavimento chiamato ondol. Letteralmente significa “pietre calde” e sviluppato durante il periodo preistorico, ondol si riferisce al sistema di canali che corrono sotto il pavimento in pietra di una stanza attraverso i quali il calore viene erogato dal camino in cucina. Inoltre è progettato per aspirare efficacemente i fumi attraverso i passaggi sottopavimento collegati alla canna fumaria.

Un altro elemento importante della casa tradizionale coreana è la stanza con pavimento in legno (maru) situata al centro e utilizzata per molteplici scopi. La stanza è solitamente più grande delle altre stanze ed è rialzata da terra per consentire all’aria di circolare liberamente sotto di essa, creando un ambiente di vita fresco durante la calda stagione estiva. Il sistema intelligente che combina ondol e maru rende la tradizionale casa coreana uno spazio abitativo confortevole per i suoi residenti non solo nel rigido inverno ma anche nella torrida estate. Il tetto è tipicamente coperto con tegole di ceramica o paglia. Mentre la maggior parte delle tegole del tetto sono di colore grigio scuro, alcune esibiscono colori più vivaci come dimostra, ad esempio, la Residenza Ufficiale del Presidente coreano Cheong Wa Dae, che letteralmente significa “Casa Blu” perché, come mostra il nome, è coperta da tegole blu.

Korean Cultural Center
fonte- etsy.com

Sebbene le tradizionali case coreane siano generalmente strutture in legno, possono sopravvivere con altri edifici realizzati con altri materiali se adeguatamente curati. Presumibilmente costruita all’inizio del 1200, la Geungnakjeon Hall del tempio Bongjeongsa ad Andong, nella provincia di Gyeongsangbukdo, è l’edificio in legno più antico della Corea. Come luogo ideale per la loro casa, i coreani preferivano un sito protetto da colline o montagne su tre lati, con un ruscello o un fiume che passava davanti, fornendo così un facile accesso all’acqua. Le case costruite in un luogo del genere creano una grande armonia con l’ambiente circostante, attirando sempre più ammiratori non solo in Corea ma anche fuori.

Al giorno d’oggi, oltre il 60% della popolazione di Seoul vive in appartamenti moderni ma, cosa interessante, questi edifici alti e a più piani sono quasi senza eccezioni arredati con un sistema di riscaldamento ispirato all’antico sistema ondol. Allo stesso modo, anche le case unifamiliari di nuova costruzione dipendono dall’eredità del sistema ondol di riscaldamento del pavimento, sebbene i tradizionali passaggi di calore siano ora sostituiti da tubi metallici sottopavimento con acqua corrente riscaldata a gas o elettricità. Questo sistema di riscaldamento ha ora iniziato ad essere esportato in altri paesi con ampie variazioni di temperatura giornaliera.

Korean Cultural Center

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.