Oleo Bone
@oleobone
VoceLiberaWeb
@oleobone

Il ricordo di una tragedia

“ENNESIMA TRAGEDIA EVITATA”

Un intervento per fuga di gas ci riporta indietro negli anni; ancora il ricordo della sera del 20 Marzo 2018 è vivo e basta poco per farlo riemergere, Dario Ambiamonte e Giorgio Grammatico, due colleghi del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Catania,  sono sempre nei nostri cuori.

Questa volta è andata diversamente… “Fortunatamente non ci sono vittime ma solo feriti” grazie alla preparazione dei colleghi che con grande professionalità sono riusciti ad evitare il peggio. 

Il fato ha voluto che in quel momento la squadra del distaccamento Nord fosse  l’unica disponibile… ma cosa sarebbe successo se come accade spesso non c’era la possibilità di inviare nessuno?

Nel comunicato stampa dell’8 Luglio 2022 inviato dalle scriventi Organizzazioni Sindacali, maggiormente rappresentative del personale del CNVVF, le previsioni erano è sono rimaste inascoltate come di consueto “dove si parla dei Vigili del Fuoco”…

SIAMO STANCHI…….. E STUFI DELLE SOLITE PACCHE SULLE SPALLE… DELLE SOLITE PROMESSE… VOGLIAMO CONCRETEZZA… FATTI… NELL’AFFRONTARE I PROBLEMI PIU’ VOLTE RAPPRESENTATI E DA SEMPRE RIMASTE INEVASI…

La situazione peraltro è peggiorata, il personale in servizio le Comando Provinciale etneo è sempre meno, sempre con le stesse persone che si avvicendano in turni estenuanti.

Le chiamate di soccorso rimangono in attesa fin quando  una squadra disponibile non possa raggiungere il luogo dell’intervento, spesso si devono percorrere km su km nel minor tempo possibile, i mezzi di soccorso così gravano di un usura  eccessiva   con conseguente  incremento di  guasti  che spesso richiedono molto tempo per le riparazioni e  rimangono fermi nelle officine  riducendo o addirittura dimezzando la disponibilità  per l’utilizzo

Il  Comando Provinciale di Catania già sottodimensionato per il rischio presente  nel territorio tutto l’anno e  in aumento  nel periodo estivo per il numero sempre  maggiore  di turisti  che si aggiungono alla popolazione della città metropolitana con circa 780mila  abitanti di cui 280mila per la città di Catania,  oltre agli  incendi boschivi  e sterpaglie  deve fare anche i conti con le tonnellate di spazzatura  gettate per le  vie della città  che puntualmente prendono fuoco rilasciando sostanze tossiche:

Cosa ci dobbiamo aspettare nei prossimi giorni?

Le scriventi OO.SS. maggioritarie, IN RAPPRESENTANZA DEI  VIGILI DEL FUOCO DEL COMANDO DI CATANIA sempre a servizio della popolazione chiedono ancora una volta  a gran voce l’intervento delle autorità politiche presenti sul territorio, in particolar modo dell’illustrissimo Prefetto Dott.ssa Maria Carmela LIBRIZZI, per far sì che la città metropolitana di Catania abbia un  servizio di soccorso pubblico  efficace ed efficiente, che garantisca la sicurezza della popolazione sull’intero territorio 24 ore su 24  e non resti affidato solo al caso o alla fortuna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.