Oleo Bone
@oleobone
VoceLiberaWeb
@oleobone

L’omicidio di Annarella Bracci

Venne commesso il 18 febbraio 1950 a Roma, nel quartiere popolare di Primavalle; la vittima fu una bambina dodicenne, Annamaria Bracci detta Annarella , nata il 15 dicembre 1937.
Dopo una serie di processi, l’unico imputato venne scagionato ed è rimasto un caso irrisolto.

Annarella Bracci è stata gettata sul fondo di un pozzo ancora viva nella zona delle “NEBBIE” nella profonda periferia di Roma, dopo che il suo aggressore aveva cercato di violentarla e poi l’aveva seviziata.
Il caso di Primavalle resta tutt’oggi uno dei crimini più atroci del dopoguerra, senza un vero e proprio colpevole.
Il padre di Annarella aveva lasciato la famiglia portandosi via i due fratelli più piccoli, mentre la mamma non le dedicava il suo tempo non considerandola neanche.

Ad Annarella piaceva frequentare le feste da ballo che si tenevano in piazza, anche se all’epoca, Primavalle, periferia romana dove i Bracci abitavano, non era esattamente una zona per ragazzine. Non c’erano mezzi pubblici e le fogne erano a cielo aperto. Un ghetto rimasto spaventosamente fuori dal processo di urbanizzazione che nel secondo cinquantennio del Novecento stava investendo tutta la capitale. Annamaria sapeva gestire anche quello, occupandosi di tutto, era molto responsabile.

Per questo, quella sera di febbraio scese per andare a compare l’olio e il carbone per metter su la cena, solo che a casa non tornò più. In borgata cominciarono a cercare la ragazzina ma gli sforzi risultavano scarsi, nessuno aveva notizie, nessuno trovó mai la bambina.
Un ricco barone colpito dalla vicenda promise una ricompensa di 300mila lire per chi avesse ritrovato la bambina.


Fu il nonno paterno di Annarella a imprimere una svolta decisiva alle indagini: “Ho sognato la bambina, è in un pozzo”. Condusse gli agenti alle tre vicine cisterne della zona: lì, in località “LE NEBBIE” a 17 metri di profondità, nell’acqua, apparve un piccolo corpo. Quando i pompieri lo tirarono su identificano con certezza il viso delicato di Annamaria Bracci, una ragazzina di 12 anni per sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.