Oleo Bone
@oleobone
VoceLiberaWeb
@oleobone

Il 3 maggio Giornata mondiale della libertà di stampa

Ogni anno il 3 maggio si celebra la Giornata Mondiale della Libertà di Stampa per riaffermare questa libertà come diritto fondamentale, per difendere i media dagli attacchi alla loro indipendenza e per ricordare tutti i giornalisti uccisi nell’esercizio della loro professione. 

La Giornata è stata istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 17 dicembre  1993  a seguito della Raccomandazione adottata dalla Conferenza Generale dell’UNESCO nel 1991, che aveva risposto all’appello dei giornalisti africani e alla  storica Dichiarazione di Windhoek sul pluralismo e l’indipendenza dell’informazione. 

Quest’anno la Conferenza Mondiale in occasione della Giornata viene organizzata dall’UNESCO in Uruguay dal 2 al 5 maggio in modalità mista, in presenza e online, ed ha come tema “Journalism under Digital Siege”, con un focus sull’impatto dell’era digitale sulla libertà di espressione, sulla sicurezza dei giornalisti, sull’accesso all’informazione e sulla privacy 

L’UCSI (Unione Cattolica Stampa Italiana) celebra la Giornata mondiale della libertà di stampa focalizzando l’attenzione per un’informazione costruttiva con 

l’obiettivo di «coinvolgere i giornalisti di tutta Italia, le redazioni e gli organi di informazione in un momento di azione e sensibilizzazione sul giornalismo al servizio della società». 

“Diamo spazio alle buone notizie” E’ questo il messaggio della giornata mondiale  che intende celebrare il valore della libertà di stampa, come espressione di democrazia e di servizio sociale che non va “venduta al calcolo dell’interesse e del potere” 

Ampliando gli spazi di approfondimenti, reportage e storie costruttive, si offre alla gente “acqua pulita” per costruire un mondo migliore «con l’obiettivo di realizzare un’informazione al servizio del benessere dei lettori e del bene comune, libera da sensazionalismi, polemiche, fake news e che sappiano aiutare il lettore a comprendere la realtà e portare consapevolezza e fiducia nel mondo e negli esseri umani».

L’attualità emergenziale della guerra Russia -Ucraina  e il controllo delle notizie  che vengono trasmesse accende il faro di attenzione sul problema della libertà di stampa e si intende ricordare ai governi il  dovere di sostenere e far rispettare la libertà di parola sancita dall’Articolo 19 della “Dichiarazione universale dei diritti umani” del 1948  

A Trento nel corso della manifestazione nazionale che si svolgerà  il 2 maggio davanti alla bandiera giallo e blu dell’Ucraina e al vessillo arcobaleno della pace –saranno letti durante un breve flash mob i nomi dei giornalisti uccisi durante la guerra in corso in Ucraina 

A Milano presso l’Anfiteatro Ulianova Radice del Giardino dei Giusti, Galina Timchenko, fondatrice del giornale russo indipendente “Meduza”, darà voce  ai giornalisti russi che cercano di contrastare la propaganda del Cremlino nonostante censura, minacce, violenze e arresti.  

Come si può continuare a fare informazione libera quando la menzogna diventa l’arma più potente? Quale futuro per il giornalismo indipendente in Russia?  

Questi interrogativi di attualità sollecitano una risposta corale di impegno di attiva solidarietà. In oltre 130 Paesi nel mondo, infatti, l’esercizio del giornalismo viene totalmente o parzialmente bloccato. Sono molti i giornalisti che hanno subito arresti o minacce, senza contare il preoccupante aumento della violenza di genere nei confronti delle giornaliste. In Italia ci sono ancora 20 giornalisti sotto scorta e, nella classifica europea sulla libertà di stampa, l’Italia occupa l’ultimo posto. 

La libertà di stampa è un pilastro delle società democratiche, che possono prosperare solo se i cittadini hanno accesso ainformazioni affidabilie fanno le proprie scelte con cognizione di causa

Giuseppe Adernò

Preside

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.