Oleo Bone
@oleobone
VoceLiberaWeb
@oleobone

The Boys 3 

Dopo quasi 2 anni dalla seconda stagione, rieccoci con la terza stagione di questa serie a dir poco folle. Questa terza stagione in particolare ha avuto una fama senza eguali rendendo la serie una delle più gradite oggigiorno, anche perché è tra le poche serie fatte davvero bene. 

Recensione no spoiler 

La serie è una serie molto coraggiosa perché ci sono delle scene molto pesanti sia al livello sessuale (mettendo perversioni di ogni tipo e genere) sia al livello di violenza (con scene dove si possono vedere corpi smembrati o che esplodo). Anche se la serie è più spinta del normale non vuol dire che sia una brutta serie, ma anzi tratta delle tematiche importanti, ad esempio moltissime critiche alla società di oggi, è fa anche capire cosa succederebbe nel nostro mondo se ci fossero realmente persone con i super poteri e che non sarebbero come nei film che vediamo al cinema, cioè un eroe che impiega la sua vita gratis solo per salvare la gente, ma invece sarebbero come alcune delle celebrità di oggi, quindi delle persone perverse, attaccate hai soldi, che abusano del loro potere e che fanno una faccia benevola al pubblico, mentre dietro le quinte quello che fanno è tutt’altro che benevolo. La serie ha delle riprese ben fatte, è una sceneggiatura molto di qualità, senza parlare dei personaggi che sono caratterizzati magistralmente, anche grazie alla bravura degli attori riescono a farti immedesimare perfettamente in quello che sta succedendo, perché in The Boys le parti realmente pesanti non sono le scene di violenza o perversità, bensì i dialoghi, che riescono a metterti un ansia senza eguali lasciandoti tutto il tempo in tensione, realmente le scene spinte non sono la reale parte pesante della serie, perché sono uno sfogo per lo spettatore, questo non significa che le scene non sono contestualizzate anzi lo sono perfettamente, al contrario del fumetto dove molte volte la violenza non è per nulla contestualizzata. La serie può lasciare delle emozioni e nella maggior parte delle puntate anche sorrisi e si può definire il miglior prodotto visivo a tema supereroistico realizzato in questi anni. 

Recensione spoiler 

Come detto nella recensione no spoiler, I personaggi sono fatti davvero bene. Lo capiamo dalla rivalità tra Patriota e Butcher che per quanto loro si odino a vicenda, sono più simili di quanto si pensi e questo viene rappresentato dal fatto che entrambi hanno dei poteri molto simili. Mi è piaciuta la soluzione che hanno dato per dare il potere hai Boys utilizzando il composto V24 (il composto V che dura 24 ore). Anche il fatto che Patriota si impossessa della Vought, ma che infine non riesce a gestirla perché non ha idea di come si faccia, come gli disse Stan Edgar. È particolare come Hughie per quanto disprezzi i super, lui non può fare a meno di avere i poteri perché senza di essi lui è una nullità, mentre invece è stato interessante lo sviluppo che c’è stato tra Frenchie e Kimiko che stanno cercando di allontanarsi dai Boys e costruire una storia tutta loro. Mi è piaciuto l’approfondimento della storia di LM, che in questa stagione perde la testa appena scopre che Soldatino è ancora vivo, dato che ha massacrato tutta la sua famiglia. Uno dei personaggi più scandalosi  della serie  è Abisso (nel senso che fa morire dalle risate di quanto sia una persona inutile) con le sue relazioni con i polipi a dir poco disgustose, A-train invece mi è piaciuto molto di come è stato gestito, dato che stava per diventare un personaggio inutile, ma è stato ripreso grazie al fatto che riesce a pentirsi di tutto il male che ha fatto, dopo che viene fatto del male al suo fratello che diventa paralitico e mi ha colpito molto che dopo aver ucciso il super eroe razzista che aveva fatto diventare paralitico suo fratello, lui anzi di morire per attacco cardiaco, viene salvato con un trapianto di cuore proprio del cuore del super razzista che aveva ucciso, così si dovrà per sempre portare il cuore della persona che ha reso paralitico suo fratello. Mi ha stravolto la morte di Black Noir, che viene ucciso da patriota a sangue freddo perché non gli aveva detto che soldatino era suo padre e in questa serie mi ero molto affezionato a lui grazie all’approfondimento della sua storia, ad esempio lui non parla ed è strano perché ha il cranio totalmente sfondato che gli ha causato Soldatino. Soldatino è stato uno dei personaggi che mi sono piaciuti di più in tutta la stagione, soprattutto grazie all’attore Jensen Ackles, che da un’espressività senza eguali al personaggio, cioè che è un egoista assassino. La stagione mi è piaciuta tantissimo, anche se l’ultima puntata non mi è piaciuta per nulla, per via del fatto che c’erano troppe cose in ballo e alcune sono state risolte in modo banale, come ad esempio il riavvicinamento che c’è stato tra Patriota e Brian, troppo veloce anche perché Brian come disse ad inizio stagione è terrorizzato dal padre. Credo che nella quarta stagione patriota smetterà del tutto dato che come abbiamo potuto vedere, fa esplodere la testa a persona solo perché lo aveva insultato davanti a tutti i suoi sostenitori e loro anzi di spaventarsi, lo acclamano ancor di più. 

Commento 

Come ho detto la serie mi è piaciuta un sacco e si classifica come la mia preferita di quest’anno (per ora), consiglio assolutamente la visione perché è una serie che vale davvero la pena vedere. 

Io vi saluto da Voce Libera Web. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.