Can’t help myself

Quest’opera robotica è stata realizzata dagli artisti cinesi Sun Yuan e Peng Yu, esposta al museo
Guggenheim a New York in occasione della mostra “Tales of Our Time “. Ma sentiamo cosa ci vuole dire
Xiaoyu Weng curatore della mostra, che spiega al mondo il significato di quest’opera particolare. Ci
spiega che l’arte robotica è difficilmente considerata a primo impatto come una forma d’arte ma invece
risulta essere tale. Weng lascia libera interpretazione agli spettatori non dando un’interpretazione
precisa all’opera.
Quest’opera tocca molti temi contemporanei, in quanto vediamo questo enorme braccio robotico posto
sopra un piedistallo al centro di una stanza.

Si muove con movimenti ritmici e dolci che sono ripetuti
costantemente per recuperare il liquido fuoriuscito che continua a diffondersi per la stanza. Questo
movimento in realtà non serve a granché perché non viene recuperato. Con l’avanzare degli anni
troveremo sempre di più opere legate alla tecnologia e diventeranno parte della nostra storia
contemporanea.

Giulia Bagnato

Giulia Bagnato 3G del liceo Artistico emilio greco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *