Oleo Bone
@oleobone
VoceLiberaWeb
@oleobone

L’imparzialità della musica

Fonte immagine labusa.info

Non tutti comprendono il perché la musica sia speciale, fortunatamente il musicologo Jad Abumrad ha dato una spiegazione abbastanza chiara su ciò che è la musica.

La musica non è altro che un linguaggio, è arte.
Solo che a differenza di normali lingue come l’italiano o l’inglese, la musica ha una caratteristica, essere universale, essa può essere ascoltata da chiunque e riesce a trasmettere un’infinità di emozioni e sensazioni all’ascoltatore.

Che cos’è la musica? Un linguaggio universale.

Guardandoci intorno possiamo notare che anche nella quotidianità siamo circondati da suoni, da una goccia di rugiada che cade, ad un pianto di un bambino, dal rumore delle onde del mare, al fruscio delle foglie ad un soffio di vento.

La musica è speciale proprio perché nella sua semplicità riesce ad unire popolazioni diverse. Indipendentemente dal genere che si ascolta, la musica ci permette di crearci un’identità nostra.

La musica è un insieme di suoni che organizzati nel tempo riescono a far provare emozioni come la rabbia, il dolore, la tristezza, la gioia e insomma tutto ciò che noi desideriamo. È anche vero però che la musica non ha una vera e propria funzione, la musica non significa niente, ma semplicemente trova in sé stessa la ragione d’esistere.

Ascoltare musica è ormai una quotidianità, ma sono in pochi ad essere in grado di sentire la musica dentro di loro. Essa ha effetti sulla nostra mente, può farci piangere e sorridere, rilassare o innervosire; la particolarità della musica è il suo non essere palpabile, come ha detto Jad Amburad “non è spiegabile e non ha senso, semplicemente perché possiede un potere immenso che rende sereno chi è in grado di coglierlo”.

Ma la musica non è solo creatività, possiede anche delle potenzialità terapeutiche di cui parlavano già Platone e Aristotele: nell’antica Grecia il Dio Apollo era la divinità della musica e della medicina.

La musica cura e ha una grande influenza nello sviluppo del linguaggio verbale.

La musica non ha colore, non ha religione, non fa differenza tra le varie etnie. È solo musica una vibrazione intensa che colpisce cuore e mente.

“Dove le parole non arrivano… la musica parla.” ~Beethoven


Fonte immagine rockbywild.it

Sofia Greco

Studentessa IIS Marconi- Mangano CT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.